______







Azienda Servizi Igiene Ambientale
Sede legale Via delle Puglie 28/I  - Sede operativa Via Ponticelli 2
Tel.0824 54201 - Fax 0824 23162 - P. IVA: 01112560626 C.F.: 80008110621
capitale sociale €. 120.000,00 i.v. - Socio Unico: Comune di Benevento


Lonardo: "Questo CdA brucia le tappe e procede nella massima trasparenza"

Ufficio stampa ASIA 25-08-2007 15:54 n.30, letto 1203 volte

Lonardo: "Questo CdA brucia le tappe e procede nella massima trasparenza"  

 

 

Attraverso la nota che segue, il CdA dell’ASIA, presieduto da Lucio Lonardo, approfondire alcuni aspetti riguardanti l’impianto di selezione semiautomatico di Contrada Olivola:

“Come tutti sanno, ma è bene ricordarlo ai più distratti, al fine di evitare una cattiva interpretazione dei fatti, l’insediamento del nuovo CdA dell’ASIA (5 marzo 2007) non ha coinciso con quello dell’amministrazione comunale di centrosinistra (22 giugno 2006).

Per quanto riguarda, in particolare, la questione  dell’impianto di Contrada Olivola, il vecchio Consiglio d’Amministrazione, nominato dal centrodestra, non solo non ha adoperato in alcun modo i propri poteri di legge, ma, cosa molto più grave, non ha provveduto neanche al pagamento dell’impianto stesso.

Diversamente, l’attuale amministrazione ha posto in essere ogni passaggio necessario, impiantistico e gestionale.
Le scelte poco lungimiranti del vecchio CdA sull’ex Geripa hanno determinato un notevole sperpero di denaro: un fabbricato non collaudabile, non a norma, non utilizzabile come sede aziendale, se non attraverso l’esborso di risorse per gli spostamenti pari a 750mila euro.

La programmazione sui rifiuti della Giunta D’Alessandro si è rivelata miope, dal momento che si arrivò persino a sottrarre all’Azienda, con un presunto accollo, quasi 4milioni 800mila  euro, che, sommati a mancati trasferimenti nel 2006, per una errata pianificazione del bilancio di previsione, (approvato ancora dalla Giunta D’Alessandro) per quasi 1milione 800mila euro, attestano, carte alla mano, che il Comune si è appropriato indebitamente di circa 6milioni di euro.
A tali somme, per l’assenza di una due-diligence, tutto quanto avente genesi al 31-12-2004, che per legge doveva essere a carico dell’amministrazione comunale, è stato posto a carico dell’ASIA.

Il fallimento delle Giunte di centrodestra, da questo punto di vista, sta nel fatto che, in tredici anni di amministrazione della città, nessuna impresa verde di prima trasformazione si è allocata nel Comune di Benevento; nessuna impiantistica è stata attivata e la percentuale di raccolta differenziata è crollata dal 1999 in poi.

Solo oggi, grazie al lavoro e agli sforzi dell’attuale CdA, la differenziata ha raggiunto nell’ultima settimana di giugno il 14,16%, percentuale che, secondo dati provvisori, è stata confermata per tutto il mese di luglio e non potrà che migliorare per il futuro, considerato il trend positivo intrapreso.
A questo punto, il centrodestra confessi il suo fallimento nella gestione dei rifiuti e smetta di dare lezioni in materia, visto che nel 2007 siamo ancora all’anno 0.
Lo spreco propagandistico sull’argomento non ha fruttato né in termini di risultati elettorali, né in tema di coinvolgimento della popolazione.
Per fornire ancora qualche precisazione c’è da dire che i lavori dell’ex Laser non sono “finiti da un pezzo”, ma da soli 8 mesi, mentre altri ancora ne necessitano.

Questo CdA brucia le tappe e procede nella massima trasparenza.
Non si può dire certo la medesima cosa di chi ci ha preceduti: sarebbe stato normale che chi ha “provveduto” a far arrivare l’impianto di selezione lo avesse anche pagato. Ottimo l’amministratore che spende il denaro che ha. Pessimo l’amministratore che lo spende due volte.
In conclusione, siamo pronti a rispondere su ogni atto in piena trasparenza”. 

 


                                                                             

 

 

in pubblicazione dal 25-08-2007 al 24-09-2007